La società di ingegneria “officinadiarchitettura&design”s.r.l. è l’attuale veste sociale con la quale operano i due professionisti Antonio Brancaccio e Nicola Cicatelli, il primo in qualità di Amministratore il secondo di Direttore Tecnico.
I due conosciutisi al tempo della loro formazione universitaria presso la Federico II, Facoltà di Architettura di Napoli, uniti dalla comune passione per l’architettura, da sempre collaborano in questa professione.
lo studio professionale, “officinadiarchitettura&design”, è da anni impegnato in numerose realizzazioni in vari campi della progettazione in contesto nazionale ed internazionale (ITALIA: Campania, Lazio, Molise, Sicilia, Toscana, Veneto. CH: Basel, Sant Moritz. Deutschland: Frankfurt. UK: London.).

In ambito abitativo, oltre a dedicarsi assiduamente alla progettazione e direzione dei lavori per la costruzione di numerosi edifici ex novo si occupa, altresì, di restauro, ristrutturazione e arredo di immobili privati; di dette realizzazioni nel rispetto della privacy e del rapporto fiduciario/deontologico con la committenza si preferisce fare menzione in modo generico.

Nell’ambito dell’allestimento commerciale si dedica alla progettazione e direzione dei lavori di vari shoroom e negozi:
Allestimento Shoroom Teneriello (NA); allestimento negozi “Coscia&Coscia” in Casagiove (CE), presso il Centro Commerciale Campania ed il Polo della Qualità Marcianise (CE) nonché a Caserta; allestimento Shoroom “Marlen Pens” presso il Polo della Qualità Marcianise (CE); Negozi “Thun” presso il Centro Commerciale Campania e a Caserta; allestimento “Maxi ho” presso la SPA Culti di Napoli; allestimento negozio “Calzedonia” Caserta. Parafarmacia presso il Polo della Qualità; per la ditta “PIERRE HOME” allestimento della “PIERRE HOME INTERIOR” e “PIERRE HOME OGGETTISTICA” in Marcianise (CE); allestimento del Padiglione 10 MOSTRA D’OLTREMARE Napoli nell’ambito della manifestazione “fieradellacasa” edizione 2010.

Nel settore del Design, oltre a dedicarsi alla progettazione di numerosi oggetti di arredo e complementi, ha svolto l’attività di consulente area Design per la ditta “Marlen Pens”. Per questa stessa società e per altre, si occupa inoltre della progettazione di espositori per negozi per l’Italia e per l’estero (Arabia Saudita, Germania, Inghilterra, Spagna, Svizzera, Stati Uniti).

In ambito specialistico è attivamente impegnato in ambito pubblico e privato con diversi progetti: “Villa dei Cedri” Lusciano (Caserta), “Centro Antares” San Nicola La Strada (Caserta) e “II Policlinico” (Università di Medicina e Chirurgia Federico II, Napoli) dove, nell’ambito del rapporto tra cittadino e struttura ospedaliera, si colloca la progettazione del “Garden Hospital” presso il Dipartimento di Pediatria; la Scuola Elementare “Cristofaro Colombo” Frattaminore (NA).

In ambito del pubblico intrattenimento si annoverano i lavori di progettazione e direzione dei lavori del Parco giochi “Meravilandia” in San Nicola La Strada (CE);

In ambito alberghiero e termale si collocano l’allestimento della spa “LUSSODELTEMPO DAY SPA” presso il Polo della Qualità Marcianise (CE); il progetto dell’area benessere “FUENTIspa” Vietri sul Mare (SA); l’allestimento della spa “zen garten”del Meta Luxury Hotel Bernina  Samedan, Sant Moritz; il progetto di restauro e riqualificazione a fini agrituristici di “Villa Cilnia” ad Arezzo.

Finalità della società di ingegneria:
Ciò che ci ha spinto a fondare la società di ingegneria è l’opportunità di integrare l’attività di progettisti e direttori dei lavori con quella di general contactor, ovvero poter offrire il "prodotto chiavi in mano". La nostra scelta, più che essere dettata da motivi commerciali, è frutto della precisa volontà di avere un più completo controllo delle varie fasi di lavorazione che vanno dall’elaborazione del progetto alla realizzazione dell’oggetto finito qualunque sia il suo ambito di realizzazione. Difatti si scrive “forniture per progetti”, si pronuncia “contract”. Se si tratta di realizzare abitazioni, alberghi, complessi residenziali, musei, cinema e teatri, ma anche navi e, perché no, aerei, la parola chiave è racchiusa in queste otto lettere. Un settore dove il “made in Italy” gioca un ruolo da protagonista, soprattutto per quanto riguarda la fascia alta del mercato. Dalle nostre piccole imprese italiane, infatti, possono nascere prodotti unici al mondo quando vengono richieste qualità, facilità nel risolvere i problemi e professionalità, si pensi alle imbarcazioni Riva o alle automobili Ferrari. Una leadership di prodotto ma soprattutto una leadership basata su capacità uniche di sviluppare un progetto. Motivo in più per continuare ad innamorarci della cultura del progetto. La parola d’ordine è “fare squadra”, presentarsi come gruppo è ulteriore garanzia per la Committenza: qualità del prodotto, sicurezza dei costi e dei tempi di realizzazione.  Queste garanzie sono, però, difficili da avere dalle piccole e medie imprese, meno strutturate e più lontane dalle logiche e dalle regole del contract.  Molte le aziende che lavorano sia per il mercato domestico sia per quello delle grandi commesse, poche, pochissime quelle in grado di fornire il cosiddetto “chiavi in mano”, in grado cioè di fornire tutte le parti di un progetto di qualità, quando non anche le finiture, i materiali, i rivestimenti, insomma tutto dalla “A” alla “Z”. Da questo nasce l’esigenza di proporsi come società di ingegneria, ovvero una figura professionale in grado di tenere la regia complessiva dell’intera operazione.